Salta al Contenuto delle News
Ricerca nel Sito

    

Visualizza Dimensione Caratteri Standard | Aumenta Dimensione Caratteri del 10% | Aumenta Dimensione Caratteri del 20% | Visualizza la pagina ad alto contrasto |


iscriverti alla newsletter   
Sei in: Home ´┐Ż  ╗ Centenario della Grande Guerra 1915-1918

Centenario della Grande Guerra 1915-1918

CENTENARIO DELLA GRANDE GUERRA 1915-1918

 

Con il 2015 siamo entrati nel quadriennio di celebrazioni dedicate al Centenario della Prima Guerra Mondiale. Stiamo lavorando con altri Comuni ad un progetto dal titolo Memoria di Popolo nella Grande Guerra. Il progetto intende riportare alla luce, dopo cent'anni, la documentazione conservata negli archivi comunali, i quali custodiscono numerosa corrispondenza tra famiglie e soldati al fronte: tutte le comunicazioni dei comandi militari su feriti e morti passavano attraverso le Amministrazioni comunali come tramite per le famiglie. Queste memorie taciute devono essere riconsegnate alla storia dei nostri paesi.
Assieme a questa ricerca storica si intende promuovere, inoltre, una Colletta della Memoria. Verrà richiesto alle famiglie di condividere fotografie, scritti, testimonianze delle partecipazione alla Grande Guerra. Tutto il materiale che verrà consegnato alla Colletta della Memoria verrà prontamente digitalizzato e restituito ai famigliari. Il materiale ritrovato nella documentazione d'archivio, insieme ai contributi di ricordi raccolti dalle famiglie, implementerà una banca dati online ricercabile con il nome del combattente. Oltre alla scheda con le notizie sul militare sarà possibile anche recuperare le immagini digitalizzate della documentazione relativa.

Programma:

Colletta della memoria

Il 28 luglio 1914 ebbe inizio la Prima Guerra Mondiale. Per l'Italia iniziò il 24 maggio 1915. Fu un evento senza precedenti che ha segnato la vita quotidiana di moltissime persone. La memoria della guerra, con i suoi fatti e le sue conseguenze, rimane viva ancor oggi. Tutto questo è diventato parte della nostra memoria individuale e collettiva. Quasi 6 milioni di persone furono chiamate alle armi tra il 1915 e il 1918. 650.000 furono i morti italiani per diretta causa di guerra e 589.000 vittime civili. Migliaia i prigionieri, non tutti riuscirono a tornare a casa. Molti furono anche dispersi o scomparsi. Un migliaio i soldati fucilati anche in modo sommario, senza processo. Nei nostri paesi arrivarono centinaia di profughi provenienti dalle zone di guerra e furono ospitati nelle nostre case.

Ognuno di noi ha un nonno, un bisnonno, uno zio che ha partecipato alla Grande Guerra. Se conservi una lettera, una fotografia, un diario, un quaderno di schizzi, opuscoli, manifesti, una decorazione o altri cimeli e ricordi della Grande Guerra, partecipa alla Colletta della memoria.

Il materiale verrà immediatamente fotografato e digitalizzato e restituito ai proprietari. Condividi la memoria in formato digitale. Partecipa anche tu a scrivere la storia.
 
Cerca le storie della tua famiglia nel sito dedicato: http://www.bibliotecaroncade.it/admin/inc/www.1915-1918.org.

Come partecipare alla Colletta della Memoria?

Porta quello che possiedi in Biblioteca Comunale negli orari di apertura e i bibliotecari digitalizzeranno i tuoi materiali. 

 

Hemingway e la Grande Guerra

La Grande Guerra è la guerra del Nord-Est: il profumo di questa storia si può sentire passando per i paesi, è un sentire radicato e diffuso, come un'atmosfera, che si può percepire solo in loco.
Con l'obiettivo di far vivere la memoria e conservare la storia, a Fossalta di Piave si è costruito un percorso sfruttando un narratore d'eccezione: Ernest Hemingway.
Sono state raccolte la sua testimonianza sparsa nelle pagine dei suoi racconti e, unita a quelle di altri testimoni, sono stati allineati i diversi posti sui quali insisteva la narrazione, esponendo per ognuno steli, documenti e foto relativi, in modo da rendere concreta la memoria di Ernest.
Il racconto, registrato in un audioguida, è liberamente scaricabile dal sito http://www.laguerradihemingway.it/audio-guida.html, collegato alle steli tramite QR code, dove si possono trovare ulteriori approfondimenti.

 

Stampa il contenuto della pagina