Salta al Contenuto delle News
Ricerca nel Sito

    

Visualizza Dimensione Caratteri Standard | Aumenta Dimensione Caratteri del 10% | Aumenta Dimensione Caratteri del 20% | Visualizza la pagina ad alto contrasto |


iscriverti alla newsletter   
Sei in: Home ´┐Ż  ╗ Centenario della Grande Guerra 1915-1918 ╗ Eventi passati

Eventi passati

14 marzo 2015
Storie sulla Storia. La Grande Guerra raccontata ai ragazzi con Marnie Campagnaro. E' un'iniziativa rivolta alle classi della scuola secondarie di primo grado, legata alla memoria della Grande Guerra, coordinata dalla Regione. Prevede 3 letture-spettacolo realizzate da lettrici professioniste tratte da opere di narrativa e albi illustrati per ragazzi, la presentazione del libro Storie sulla Storia. La Grande Guerra raccontata ai ragazzi, pubblicato da Donzelli, che sarà donato a insegnanti ed educatori che aderiscono all'iniziativa.

 

venerdì 10 aprile 2015, ore 20.30 nella Sala Consiliare di Via S.Rocco, 8/C
Proiezione del film Fango e gloria proposto dalla Regione Veneto e prodotto da Istituto Luce - Cinecittà. Il film diretto da Leonardo Tiberi è stato realizzato in occasione del Centenario della I Guerra Mondiale e dei 90 anni dell'Archivio Storico Luce. Narra le vicende dei milioni di giovani coinvolti in quel tragico evento, utilizzando come simbolo proprio colui che sarà prescelto per rappresentare l'enorme schiera dei caduti anonimi: il Milite Ignoto. In particolare è la storia di Mario, dei suoi amici e della sua fidanzata. Ragazzi qualunque della piccola borghesia di provincia, entusiasti e pieni di progetti per un futuro che a molti di loro verrà negato. Fango e Gloria, oltre a contenere una parte di fiction, si avvale di materiali di repertorio dell'Archivio Storico Luce, sottoposti a procedimenti di colorazione e di sonorizzazione per renderne la fruizione ancora più suggestiva e inedita. Livio Vianello introdurrà il film.

 


24 maggio 201
5

EVENTO SPECIALE Mille papaveri rossi
All'alba del 24 maggio 1915, l'esercito italiano, formato da 1.058.000 soldati di truppa e 31.000 ufficiali, sotto il comando del generale Luigi Cadorna, varca la frontiera sul fiume Isonzo. L'Italia entra in guerra. Il conflitto fece 578.000 morti, 451.640 invalidi, 57.000 morti in prigionia e 60.000 prigionieri italiani che non fecero mai più ritorno a casa (Gentile, 2014). Una catastrofe demografica, una ecatombe di uomini, appartenenti alla popolazione attiva, alle generazioni più giovani, la "generazione perduta".
In occasione di questa tragica ricorrenza, vogliamo ricordare questi uomini, facendo fiorire il prossimo 24 maggio 2015 in ogni piazza, o luogo simbolico dei comuni del Veneto che aderiscono all'iniziativa, un giardino con mille papaveri rossi, papaveri, che bambini e ragazzi, coinvolti nel progetto anche attraverso il preventivo lavoro di sensibilizzazione effettuato attraverso le letture-spettacolo, costruiranno e depositeranno quel giorno in segno di pace e in ricordo dei tanti giovani morti in questa orribile guerra.
"Dormi sepolto in un campo di grano non è la rosa non è il tulipano che ti fan veglia dall'ombra dei fossi ma sono mille papaveri rossi" (Fabrizio De André, La guerra di Piero).

 

 

 

 

100 anni di scautismo

giovedì 9 novembre 2017, ore 20.30 Roncade - Biblioteca Comunale - Via Dall'Acqua 25
100 anni di scautismo a Treviso. 
Presentazione del libro curato da Paolo Poli.
Nel 1916 nasceva in Italia la prima Associazione Scout Cattolica. Nel panorama storico dello scautismo cattolico nazionale, il libro narra, in particolare, le vicende di quello trevigiano, del suo sviluppo prima della soppressione fascista del 1928 e, dopo la guerra, della rinascita avvenuta nel 1945 e i successivi fatti fino ai giorni nostri.
Con l'ausilio di oltre trecento fotografie e riproduzioni di documenti trovati nell'Archivio Storico Diocesano, si documenta l'evoluzione dello scautismo sia negli aspetti del metodo sia delle attività tecniche e delle forme organizzative.
Sono riportati gli avvenimenti più importanti del mondo scout trevigiano di questi cento anni e, attraverso le interviste di alcuni capi protagonisti del periodo, è tracciata la storia dello scautismo cittadino.
Oltre alla ricostruzione della linea di continuità storica dello scautismo cittadino dei vari riparti che nacquero nelle parrocchie e negli istituti nell'immediato dopoguerra, si tratteggia anche la storia di una ventina di riparti storici della diocesi della provincia di Treviso: Asolo, Camposampiero, Castelfranco, Conegliano, Cornuda, Follina, Fontane, Lancenigo, Mirano, Mogliano, Noale, Oderzo, Ponte di Piave, Roncade, Sant'Antonino di Treviso, San Biagio di Callalta, San Donà di Piave, San Martino di Lupari, Scorzè, Silea, Spresiano, Vittorio Veneto.

i leoni delle due rive

 

giovedì 16 novembre 2017, ore 20.30 Roncade - Biblioteca Comunale - Via Dall'Acqua 25
I leoni delle due rive: 1918 i Cecoslovacchi nel Basso Piave.
Presentazione del libro di Bruno Marcuzzo.
In questa storia si fondono guerra, propaganda e nazionalismo, in un magma che ingloba le disgrazie di chi rimase preso nell'ingranaggio mortale della guerra.
Quando questo si fermò, i figli del leone dalla doppia coda - simbolo delle terre cecoslovacche - che come leoni si erano battuti, si differenziarono a seconda della riva su cui avevano lottato, in un gioco di specchi tra traditori ed eroi che ancora oggi qualcuno confonde.
Attraverso la grande storia, questo raccconto ci porta fin nei canneti e nelle boscaglie del Basso Piave, per seguire da vicino l'azione di quei fratelli che dall'una e dall'altra parte, scrissero pagine fatali di storia.

 

 

 

giorni di guerra

 

giovedì 23 novembre 2017, ore 20.30 Roncade - Chiesa Antica di San Cipriano - Via Trento Trieste 34
Giorni di guerra 
Lettura scenica di Livio Vianello dal testo di Giovanni Comisso con musiche originali al clarinetto di Oreste Sabadin. 

E' una sorta di diario-itinerario di Comisso attraverso i terribili giorni della Grande Guerra '15-'18. Veneto, profondamente legato alla cultura e alle tradizioni della sua terra, Comisso passa da combattente attraverso luoghi e paesi a lui ben noti in tempo di pace e dora devastati dalla guerra. Il racconto scorre veloce come un affresco dove la nitidezza della singola immagine si fonde nell'insieme di una grande raffigurazione corale. 

Stampa il contenuto della pagina