Salta al Contenuto delle News
Ricerca nel Sito

    

Visualizza Dimensione Caratteri Standard | Aumenta Dimensione Caratteri del 10% | Aumenta Dimensione Caratteri del 20% | Visualizza la pagina ad alto contrasto |


iscriverti alla newsletter   
Sei in: Home ´┐Ż  ╗ Letture ╗ Gli Amici della Biblioteca ╗ Perche' leggerlo!

Perche' leggerlo!

 

 

 

gioco pericoloso  

Gioco pericoloso (Mondadori, 1995)
di Robert Westall
Robert Atkinson è un adolescente inglese con tutte le problematiche proprie dei ragazzi della sua età. Da ragazzino magro e timido, bersaglio degli scherni dei compagni, è diventato un ragazzo alto, grosso e muscoloso, molto popolare ma anche un po' temuto. Capitano della squadra di rugby del suo liceo viene chiamato "Akker il selvaggio" per la sua forza fisica e la sua determinazione.
Emma Harris, una giovane, bella, gentile e brillante insegnante di storia, arrivata da poco nella scuola, diventerà il problema più complicato della vita di Robert. Nell'Inghilterra puritana degli anni '50 del '900 nessuno avrebbe mai accettato la relazione di un ragazzo di 17 anni e la sua insegnante di 32.
Tra incontri, scontri e sotterfugi Akker è costretto a crescere, a farsi domande e a sforzarsi disperatamente di trovare delle risposte.

 

La scrittura è curata e scorrevole. Tutto è descritto (bullismo, meschinità, attrazione, baci, silenzi...) in modo limpido e vero. Le parole diventano immagini e suoni.

In mezzo a tanta paccottiglia che il mercato editoriale ci propina, ecco un libro di buona letteratura per adolescenti e non.

 

 Vivere! copertina libro
Vivere! (Feltrinelli, 2009)
di Yu Hua
L'autore, attraverso i suoi personaggi racconta la storia martoriata della Cina tra gli anni '40 e '80 del 20. secolo e ci dà un'immagine del suo paese (risaie, piccoli villaggi...) con parole che sembrano pennellate d'acquerello. La vicenda di Fugui, terribile e toccante, quasi ci avvolge e ci trascina in un mondo dove la vita, anche se è quasi un susseguirsi di sventure, è affrontata con coraggiosa determinazione.
 
La scrittura è scorrevole e il libro si legge quasi d'un fiato.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
La settimana bianca (Adelphi, 2014)
di Emmanuel Carrère
Nicolas, un bambino timido, parte per la settimana bianca organizzata dalla scuola. Lo accompagna a destinazione il padre, perché è molto protettivo e non vuole affidare il figlio ad altri, durante il viaggio. Dimentica però in auto la valigia del figlio che sarà aiutato dal capo della classe Hodkann. Una minaccia aleggia su Nicolas e durante la settimana le sue paure infantili diventano angoscia. Infatti un bambino del paese viene violentato e ucciso e Nicolas aiuterà a risolvere il mistero.
Un noir psicologico strepitoso
 
Quasi senza accorgertene avverti una sensazione di pericolo...
 
Scritto benissimo, in poche pagine ti entra dentro.
 
 
 
 
 
 
 
Guida galattica per gli autostoppisti (Mondadori, 1999)
di Douglas Adams
Lontano, nei dimenticati spazi non segnati nelle carte geografiche dell'estremo limite della Spirale Ovest della Galassia, c'è un piccolo e insignificante sole giallo. A orbitargli intorno, alla distanza di centoquarantanove milioni di chilometri, si trova un minuscolo, trascurabilissimo pianeta azzurro-verde, le cui forme di vita, discendenti dalle scimmie, sono così incredibilmente primitive da credere ancora che gli orologi da polso digitali siano un'ottima invenzione. Quel pianeta sta per essere distrutto, per lasciare il posto a una gigantesca circonvallazione iperspaziale...
Nata da una fortunata serie radiofonica trasmessa dalla BBC, la pentalogia di Adams con le irriverenti e surreali avventure di Arthur Dent e Ford Prefect, viaggiatori delle galassie, è un fenomeno di culto per molti lettori che qui possono trovare riuniti in un unico volume tutti i cinque romanzi.
 
Godibile e divertente
Una serie di esilaranti avventure paradossali
Un mondo-altro dove perdersi...dimenticate la Ragione sul pianeta Terra!
 
 
 
     
 

Una famiglia particolare (Bompiani, 2006)
di Alexandre Jardin
Sullo sfondo di un ex convento ormai consacrato al culto di una donna solare e poligama e di una leggendaria villa svizzera, davanti agli occhi sbalorditi del lettore di questo libro sfila un circo surreale di esseri traboccanti di vitalità e avidi di contraddizioni, falliti sublimi e illuminati. È la famiglia Jardin: un grottesco zoo umano che sconfina nel vaudeville, governato da un cromosoma impazzito che rende fanatici dell’erotismo e dell’eccesso, pronti a sfidare le leggi della morale borghese, del buonsenso e della fisica – dalla nonna, soprannominata Archibugio in omaggio alla sua natura esplosiva, allo zio Merlino, inventore folle ossessionato dal sogno di vincere la gravità; dal Nano Giallo, l’avo intrallazzatore che distribuisce valige piene di soldi ai candidati delle elezioni presidenziali, a un padre scrittore tutto genio e sregolatezza, con uno stuolo di amanti, fino a Zouzou, l’indimenticabile cameriera che rappresenta per il piccolo Alexandre l’unica cerniera con il mondo reale. Lo sfavillio dell’umorismo e dell’irriverenza gioiosa domina questa estrosa emorragia di confessioni famigliari, raggiungendo il proprio apice in una bizzarra apparizione di Alain Delon, custode dei segreti di famiglia celati nel Registro degli amori dei Jardin, cronistoria erotica del clan e cronologia dettagliata di vite asceticamente votate alla lussuria.
 
 
 
Spassoso e licenzioso senza essere volgare
 
Una serie di aneddoti sul bel mondo francese: chissà dove sta la verità e dove la finzione!

 

 


 

 

 

 


Stampa il contenuto della pagina